“Studiare senza riflettere è vano;

riflettere senza studiare è pericoloso.

Confucio

IN CLASSE

Lo studio può essere definito come un tipo di apprendimento intenzionale e autoregolato finalizzato a leggere attentamente un testo in modo selettivo (o ascoltare una lezione) con lo scopo di comprenderlo, ricavarne informazioni e memorizzarle per eseguire una prova. Lo studio, quindi, è un’attività complessa in cui interagiscono, in un processo circolare, variabili di tipo cognitivo, metacognitivo ed emotivo-motivazionale.

C. Cornoldi, R. De Beni, C. Zamperlin, C. Meneghetti, Abilità e motivazione allo studio: prove di valutazione per ragazzi dagli 8 ai 15 anni, Erickson, Trento 2005.

Imparare a studiare è importante ed è un processo che comincia fin dalla terza elementare quando si gettano le basi di quello che viene chiamato metodo di studio, quell’insieme di strategie, abilità e processi che rendono uno studente in grado di affrontare in modo efficace il proprio percorso scolastico.

Per questo motivo, sulla base della nostra esperienza e delle conoscenze che abbiamo dei processi di apprendimento proponiamo alcuni percorsi da realizzare in aula, che possono essere personalizzati su richiesta e adattati alle esigenze del lavoro della classe, su alcune tematiche che giocano un ruolo importante aiutare gli studenti a trovare e migliorare il proprio metodo di studio.

OGNUNO HA IL SUO STILE

Sei più visuale o verbale? Intuitivo o sistematico? Analitico o globale?

Gli psicologi che studiano i processi di apprendimento hanno individuato alcuni stili cognitivi, che sono i metodi prevalenti che ciascuno di noi utilizza per elaborare un’informazione e assimilarla.

Nessuno utilizza un unico stile cognitivo ma conoscere quelli che guidano il nostro apprendimento, scoprire quando sono più efficaci e come utilizzarli in questo senso, e anche come rafforzare gli stili cognitivi che utilizziamo di meno, è molto utile per riuscire a individuare il metodo di studio più adatto alle proprie caratteristiche cognitive.

3 incontri di 2 ore ciascuno, utilizzando materiali elaborati in ambito scientifico-universitario e attività operative e pratiche collegabili al lavoro che si sta facendo in classe. Realizzabile dalla terza primaria alla scuola secondaria di secondo grado.

IL METODO PERFETTO

La verità è che il metodo di studio perfetto… non esiste!

Però, la buona notizia è che esiste il metodo di studio perfetto… per ciascuno studente.

La letteratura scientifica ha negli anni individuato alcune delle caratteristiche fondamentali dei metodi di studio che si sono rivelati efficaci: dal mood (l’atteggiamento!) con cui si comincia a studiare, alle tecniche di schematizzazione e memorizzazione. Studiare è un’attività che richiede diverse competenze e strategie e la classica frase, che spesso si ripete agli studenti “Non studi! Non hai un metodo!” secondo il nostro punto di vista vuol dire tutto ma anche niente.

Cosa non funziona? Perché uno studente passa magari ore davanti ai libri e non ottiene niente? Dove sta il problema e come possiamo affrontarlo insieme?

Il percorso gioca con i vari metodi di studio, aiuta a sperimentare le possibilità, affiancando gli studenti passo dopo passo nel processo di studio di una materia scolastica alla ricerca di cosa funziona e cosa no, e di come fare a cambiare se qualcosa non va.

3 incontri di 2 ore ciascuno, con attività individuali e di piccolo gruppo, alla ricerca del metodo di studio perfetto, ciascuno per sé.

LA MAPPA DEL TESORO

Le mappe servono a studiare, ma studiare non significa passare il proprio tempo a fare mappe come se le due cose coincidessero.

Come tutor dell’apprendimento osserviamo un po’ di confusione negli studenti (e non solo) sul senso e l’efficacia della mappatura concettuale. Anche perché tra mappe, schemi, riassunti ecc. di strumenti ce ne sono tanti. Bisogna capire cosa funziona, per chi funziona e come lavorarci al meglio.

Capire i processi mentali che regolano l’apprendimento e quindi imparare a utilizzare tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione perché le nostre mappe siano efficaci è strategico per tutti, non solo per chi poi può servirsene in classe.

3 incontri di 2 ore ciascuno dedicati a lavorare su più materie di studio scolastiche sperimentando tipologie di mappatura diverse e come utilizzarle all’interno del proprio metodo di studio per diventare studenti sempre più efficaci.

Per informazioni sui progetti didattici scriveteci: associazione@artedimparare.it